Vai a sottomenu e altri contenuti

Piano di Rilancio del Nuorese

Frutto di un lavoro complesso e articolato in vista dell'assegnazione di circa 55 milioni di risorse pubbliche, il Piano Straordinario di Rilancio del Nuorese è un modello di programmazione degli interventi con elementi di novità: tutte le proposte sono nate sulla base di un confronto nel territorio. I progetti sono passati al vaglio di un gruppo di valutazione costituito da tecnici degli assessorati regionali. Le proposte valutate positivamente sono state poi esaminate dalla Cabina di Regia Provinciale del partenariato istituzionale e socio economico del Nuorese.

Il sistema di governance del Piano di rilancio del nuorese si è posto, come obiettivo generale, quello della valorizzazione delle peculiarità ambientali e culturali, la tutela dell'enorme patrimonio culturale e tradizionale, assieme alla promozione delle produzioni locali che devono essere la base dello sviluppo del territorio e della sua connotazione in chiave turistica attraverso la definizione di un'identità turistica locale riconoscibile in quanto fortemente improntata alla sostenibilità sociale e ambientale a alla qualità di prodotti e servizi offerti.

La Cabina di Regia ha individuato a suo tempo cinque temi prioritari: i seguenti temi prioritari: Scuole del nuovo millennio, Ambiente e cultura, Competitività agroalimentare, Servizi di area vasta, Manifatturiero innovativo e competitivo e Infrastrutture per la crescita.

La Cabina di Regia Provinciale ha, successivamente, condiviso la metodologia di lavoro ed istituito cinque tavoli di lavoro, uno per ogni tema prioritario, composti dai tecnici del partenariato istituzionale, economico e sociale, con il compito di individuare gli obiettivi da raggiungere, le azioni da compiere, i soggetti responsabili delle azioni e i tempi di attuazione.

L'Accordo di Programma Quadro, con il quale è stato dato l'avvio ai progetti, è stato sottoscritto il 9 ottobre del 2017, a Nuoro, dal presidente della Regione Francesco Pigliaru e dall'Assessore degli Affari Generali Filippo Spanu, con i soggetti istituzionali coinvolti (Provincia, Comuni, Unioni di Comuni e Comunità Montane).

In seguito sono stati approvati dalla Giunta regionale due atti aggiuntivi all'Accordo di Programma Quadro originariamente stipulato, con i quali sono stati approvati nuovi progetti.

CONSULTA LA PAGINA WEB DEDICATA DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA.

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto